16.651 vacanze prenotate seguendo i nostri consigli
I luoghi di benessere
Acqui Terme, PIEMONTE , IT
Acqui Terme è una cittadina in provincia di Alessandria circondata da colline che ne fanno un centro turistico ricco di parchi, giardini e di percorsi naturalistici che facilitano il recupero ottimale della funzionalità respiratoria con un'acqua termale unica in Europa. Il nome attuale deriva da quello latino Acquae Statiellae che i Romani attribuirono alla città da loro fondata attorno alle sorgenti termali, nel territorio già dei Liguri Statielli, nel II secolo a.C. Acqui Terme, in epoca romana, conobbe una notevole fioritura economica e sociale grazie alla posizione geografica ed al potere curativo dei suoi fanghi sulfurei, ma sarà durante la Belle Epoque che conoscerà la sua stagione d?oro. Da visitare oltre ai ruderi delle maestose arcate dell'acquedotto romano sul fiume Bormida, l'antica Basilica di San Pietro ed i resti liguri e romani conservati presso il Museo Archeologico, con sede nel Castello dei Paleologi (XI secolo). Sono altresì da ricordare il Duomo del XI secolo, la Chiesa di San Francesco, la medievale Torre dell'Orologio oltre agli eleganti palazzi nobiliari. La più grande attrazione turistica rimane però la Bollente: la fonte di acqua termale che sgorga nel centro della città alla temperatura di 75° con una portata di 560 litri al minuto. Le sorgenti termali della Bollente e quelle, un po' meno calde che nell'Oltre Bormida danno vita al piccolo lago delle Antiche Terme ? risalgono rapidamente, senza aver il tempo di raffreddare, attraverso fenditure della crosta terrestre da grandi profondità, dove hanno acquisito l'alta temperatura. Si tratta di acque pluviali che penetrando lentamente nell'arco di 60 o 70 anni attraverso il sottosuolo acquese si sono arricchite di minerali, principalmente quelli rilasciati dai vasti depositi salini di quel braccio di mare che un tempo occupava l?area dell?attuale Pianura Padana. Le sorgenti sono comunemente considerate sotto il profilo della composizione chimica, oltre che sulfuree, salsobromoiodiche. Fin dall'antichità romana queste acque hanno avuto un cospicuo impiego terapeutico nelle strutture termali della città e così anche nel Medioevo, periodo in cui intorno alle nostre cure inizia a coagularsi una trattatistica medica che notevolmente arricchitasi in età Moderna e Contemporanea costituisce un eloquente supporto storico e scientifico alla validità delle terapie termali acquesi.